Piccole star al Gef di San Remo

“Chi l’avrebbe mai detto che noi, semplici ragazzi di una delle scuole di Macerata colpite dal terremoto, avremmo avuto il coraggio di salire sul palco dell’Ariston di Sanremo?” Queste sono alcune parole riportate dagli studenti dell’ Istituto Comprensivo Mestica di Macerata che hanno avuto la possibilità di manifestare la loro creatività e fantasia con la rivisitazione di uno dei più … Continue reading

La 3A si affaccia sull’attualità

Noi ragazzi della 3A abbiamo realizzato dei cartelloni su alcuni argomenti affrontati durante l’anno, che ci hanno particolarmente interessato: il rapporto degli Stati Uniti con la Russia e con alcuni stati del Medio Oriente, i conflitti in Asia, le iniziative di pace delle donne e l’acquario di Genova visistato quest’anno durante il viaggio d’istruzione. Tramite questi lavori abbiamo compreso alcune … Continue reading

LABORATORIO ALL’ITG BRAMANTE CLASSI TERZE

Immagine

Il 28 novembre 2016, con tutte le terze medie della scuola Enrico Mestica di Macerata, abbiamo partecipato ad una interessante e accurata lezione riguardante “il terremoto (o sisma) e i suoi effetti e i metodi di costruzione antisismici” illustrata da alcuni professori e ingegneri della scuola “I.T.G. Bramante” di Macerata.

Appena ci siamo sistemati nell’auditorium della scuola, il professor Lorenzetti ha spiegato il sisma e le sue conseguenze in aspetti generali. Il terremoto è una vibrazione della crosta terrestre, generato da una faglia in profondità, dove si trova l’epicentro , in superficie chiamato ipocentro. Dall’epicentro si sprigiona energia accumulata in milioni di anni provocando danni, a seconda della magnitudo dell’energia emessa , cioè l’intensità con cui le scosse si sono propagate. I danni possono essere pochi e lievi , se provocati da un terremoto di magnitudo bassa e se l’epicentro si trova molto in profondità, o tanti e disastrosi se la magnitudo è alta e l’epicentro si trova vicino la superficie.

Successivamente, un secondo professore ci ha illustrato le metodiche di costruzione per un edificio antisismico e ci ha detto che quella più efficace è la costruzione “SCATOLARE”, che resiste molto bene al sisma, in quanto rafforzata sul tetto e agli angoli dell’edificio. (Qui sotto, la foto mostra un esempio illustrato dal professore di “costruzione scatolare”)

dig

Lo stesso professore ci ha spiegato che gli edifici che sono più soggetti al crollo sono quelli con i così detti “VIZI OCCULTI”, cioè :

  • Gli edifici la cuoi struttura hanno forme strane e irregolari ,
  • Gli edifici con muri in pietra non squadrati;

Nella prima categoria, rientrano infatti, gli edifici del centro storico, che hanno subito numerevoli danni e anche vari crolli nelle città molto vicine al punto di origine del sisma.

Poi, ci sono stati spiegati vari interventi di recupero che si possono applicare su molte chiese o altri edifici storici artistici e colturali; inoltre, in classe l’insegnante di arte ci ha ribadito che molte delle tipologie di restauro qui sotto elencate, si usato maggiormente in interventi di recupero per edifici antichi, mentre altre, come  “le sottofondazioni”, “i micropali” o gli “isolatori sisimici” si usano di più per costruzioni moderne e contemporanee,

Interventi di recupero che si applicano maggiormente a edifici antichi:

  • Il “cuci-scuci” o “restauro architettonico”, che consiste nel riposizionare nuovi mattoni nel punto in cui quelli precedenti sono stai danneggiati;

CUCI-SCUCI

  • Il “puntellamento del soffitto” o “tiranti metallici” cioè posizionare dei sostegni per la parete dell’edificio;

PUNTELLAMENTO   TIRANTI METALLICI

  • L’ “intonaco armato” che consiste nel posizionare una rete metallica sotto l’intonaco della parete;                                                                                                INTONACO ARMATO
    • Il “restauro con fibre di carbonio” dove si applicano strisce di fibre di carbonio a pareti o colonne di edifici antichi;          FIBRE DI CARBONIO
      • La “cerchiatura in acciaio” nella quale si usano sostegni in acciaio per sorreggere le pareti dove si trovano porte o finestre.                                CERCHIATURA IN ACCIAIO       Letizia Corradini, III A

 

VIAGGIANDO TRA I LUOGHI DELLA NOSTRA STORIA

CASTELLO MIRAMARE I giorni 4-5-6 aprile 2016 tutte le classi terze della scuola Enrico Mestica di Macerata sono stati in viaggio di istruzione in Friuli Venezia Giulia. La prima tappa è stata il castello Miramare a Trieste. Il castello è stato costruito tra il 1856 e il 1860 da Massimiliano D’Asburgo per risiedervi con la moglie Carlotta del Belgio. Inizialmente … Continue reading

“Scoprire l’invisibile: l’atomo”

atom

In onore della Giornata della scienza, nell’istituto Enrico Mestica di Macerata, noi ragazzi della 3a, abbiamo realizzato un video sull’atomo. Al progetto “Sulle orme delle Scienze…” hanno partecipato altre classi, i cui lavori verranno postati in seguito. Il video sottostante è stato realizzato da Federico De Introna e Francesco La Gala. Ringraziamo inoltre, la prof. Principi. Nel video, con le … Continue reading